La responsabilita penale del datore di lavoro per contagio da Covid-19

Il “Decreto Cura Italia” considera il contagio da coronavirus in ambito di lavoro come un infortunio meritevole, in quanto tale, di ricevere la copertura assicurativa Inail. Il datore di lavoro, pertanto, è potenzialmente esposto alla responsabilità penale per i reati di lesioni ai sensi dell’art. 590 c.p. e omicidio colposo ai sensi dell’art. 589 c.p., aggravati dalla violazione delle norme antinfortunistiche, laddove non abbia adottato le misure necessarie a prevenire il rischio di contagio, cagionando così la malattia o morte del lavoratore. L’articolo commenta i profili penali legati alla posizione di garanzia del datore di lavoro e considera l’onere probatorio sul nesso di causalità tra il contagio e l’ambiente di lavoro, nonché l’elemento soggettivo della condotta.
L’articolo 42 comma 2 del Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020 (“Decreto Cura Italia”) ha previsto la copertura Inail per gli assicurati che contraggono un’infezione da coronavirus “in occasione di lavoro”. Un’espressione, quest’ultima, che lascia intendere un’applicabilità della tutela assicurativa anche ai contagi “in itinere” e finanche ai casi di lavoro a distanza.
L’Inail, dal canto suo, ha precisato nella circolare n. 13 del 3 aprile 2020 che le malattie infettive e parassitarie sono pacificamente inquadrate nella categoria degli infortuni sul lavoro, a cui si debbono pertanto ricondurre anche i casi di infezione da coronavirus.
Il contagio da Covid-19 si qualifica così come un infortunio che, come tale, schiude un potenziale profilo di responsabilità penale per il datore di lavoro che non abbia adottato le misure necessarie a prevenirne il rischio.
Laddove si possa accertare che l’inosservanza delle misure antinfortunistiche sia stata causa di infezione-malattia del lavoratore, il datore di lavoro risponderà dei reati di lesioni personali gravi o gravissime ai sensi dell’art. 590 c.p. (salvo ipotesi di malattia lieve, guaribile in meno di 40 giorni, nel qual caso scatterebbe anche la procedibilità a querela), oppure di omicidio colposo ai sensi dell’art. 589 c.p. qualora al contagio sia seguita la morte.
L’imprenditore nonché datore di lavoro, infatti, è titolare di una posizione di garanzia che discende in primo luogo dall’art. 2087 c.c. e gli impone di tutelare l'integrità fisica dei prestatori di lavoro.
A questa norma generale si affiancano poi le disposizioni previste dal D.Lgs. n. 81/2008 (T.U. Salute e Sicurezza sul lavoro) e, in particolare, dall’art. 18, che pone a carico del datore di lavoro alcuni obblighi specifici tra cui ad esempio:
- fornire ai lavoratori i necessari e idonei dispositivi di protezione individuale;
- informare il più presto i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione;
- astenersi dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave e immediato.
C’è poi l’articolo 271 del medesimo Testo Unico, che impone l’obbligo al datore di lavoro di valutare anche il rischio biologico.
È bene ricordare inoltre che trascurare gli obblighi previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 sarebbe già di per sé motivo di sanzione penale, in forma di arresto o ammenda, a prescindere dal fatto che si siano verificati o meno degli infortuni.
Da non ultimo rileva poi l’ancor più esplicito contenuto della recente normativa emergenziale, di cui è esempio l’articolo 2, comma 6, del DPCM 26 aprile 2020, che impone alle imprese le cui attività non sono sospese di rispettare “i contenuti del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 24 aprile 2020 fra il Governo e le parti sociali”. Vale a dire rispettare, tra le altre, le regole sulle informazioni da fornire ai dipendenti, sulle modalità e gestione degli ingressi e uscite dall’azienda, sull’accesso dei fornitori esterni, pulizia e sanificazione, sulle precauzioni igieniche personali e dispositivi di protezione individuale, sulla gestione degli spazi comuni e organizzazione aziendale, nonché sulla gestione di una persona sintomatica e sulla sorveglianza sanitaria.
Per contro, le imprese la cui attività è stata sospesa dai decreti emergenziali e che ciò nonostante continuano a lavorare in spregio alle misure di contenimento del virus, potrebbero oggettivamente considerarsi in contrasto con le norme cautelari, a prescindere dalle precauzioni adottate al loro interno.
In definitiva, se l’imprenditore o meglio il datore di lavoro investito degli obblighi sopracitati non si attiva per impedire il contagio da coronavirus, allora si profila per lui una condotta omissiva penalmente rilevante ai sensi dell’art. 40 comma 2 c.p. qualora sia possibile ravvisare un nesso di causalità tra la sua inerzia e l’evento-contagio.
Dimostrare che l’infezione sia avvenuta “in occasione di lavoro” è però tutt’altro che semplice.
Si direbbe piuttosto una probatio diabolica, tanto che anche la comunità scientifica non sembra aver ancora sciolto ogni dubbio sulle modalità di contagio ed anche i sistemi di contact tracing, allo studio in questi giorni, non paiono essere in grado di ricostruire con sufficiente certezza le linee di diffusione del virus.
Sul punto anche l’Inail ha fatto sapere nella propria circolare n. 13/2020 che la copertura assicurativa è riconosciuta al lavoratore a condizione che la malattia sia stata contratta durante l’attività lavorativa e che l’onere della prova è a carico dell’assicurato. Fanno eccezione alcune categorie professionali ad elevato rischio, come ad esempio gli operatori sanitari, gli operatori dei front-office, i cassieri e gli addetti alle vendite/banconisti per i quali Inail ha introdotto una presunzione semplice di contagio d’origine professionale, con conseguente inversione dell’onere della prova a carico dei datori di lavoro.
Presunzioni che - almeno in teoria - non potrebbero comunque reggere da sole l’accusa in sede penale, dove vige il principio di presunzione d’innocenza e l’onere della prova è a carico del Pubblico Ministero (art. 27, comma 2, Cost.).
Tuttavia, merita ricordare che la Corte Europea dei diritti dell’uomo (sentenza 7 ottobre 1988 Salabiaku vs. Francia) ha ritenuto che le presunzioni legali possano essere compatibili con la presunzione d’innocenza di cui all’art. 6 CEDU, purché vengano confinate entro limiti ragionevoli ed ammettano la prova contraria, ovvero siano presunzioni semplici. Nello stesso senso si esprime anche il considerando n. 22 della Direttiva UE n. 343 del 9 marzo 2016.
Le presunzioni, semmai, potranno assumere rilievo come indizi e potranno essere adoperate ai fini di prova del nesso di causalità solo se gravi, precise e concordanti, secondo una logica di giudizio controfattuale che consenta di escludere con sufficiente certezza l’esistenza di altre cause di contagio, in ossequio alla necessità di dimostrare la colpevolezza dell’imputato “al di là di ogni ragionevole dubbio” (art. 533 c.p.p.).
Ai fini della valutazione del nesso causale sul contagio da Covid-19 occorre inoltre considerare che il sito del Ministero della Salute riporta che “il periodo di tempo che intercorre fra il contagio e lo sviluppo dei sintomi clinici varia fra 2 e 11 giorni, fino ad un massimo di 14 giorni”, senza contare che in alcuni soggetti i sintomi potrebbero addirittura non presentarsi del tutto (www.salute.gov.it – FAQ Covid-19).
In un arco di tempo così variabile è probabile che possano interferire anche fattori estranei alla dimensione del lavoro, come ad esempio le fonti di contagio presenti negli ambienti domestici o in altri luoghi, quali i supermercati e le farmacie frequentate dal lavoratore, o ancora il comportamento abnorme ed esorbitante dell’interessato che non osserva con diligenza i protocolli di prevenzione.
Queste considerazioni non devono tuttavia lasciar spazio a comportamenti spregiudicati dei datori lavoro ed anzi quanto più essi trascureranno gli obblighi e le regole precauzionali, tanto più aumenterà la probabilità di ravvisare un nesso causale tra il loro comportamento negligente e il contagio del lavoratore.
Volendo estremizzare questo concetto, nei casi di gravi violazioni delle regole cautelari, si potrebbe addirittura trascendere da una responsabilità omissiva colposa ad un’ipotesi dolosa, quantomeno nella forma del dolo eventuale. Si pensi ad esempio all’imprenditore che non sia ancora adeguatamente attrezzato per riaprire in sicurezza la propria azienda ma che, ciò nonostante, decida di richiamare al lavoro i propri dipendenti per riavviare la produzione confidando che nessuno si contagerà (colpa cosciente) oppure accettando il rischio che tra loro possa diffondersi un contagio (dolo eventuale). Sulla distinzione tra dolo eventuale e colpa cosciente si veda per tutte Cass. Sez. Unite, 24/04/14, n. 38343 caso Thyssenkrupp.
 
Vale infine una considerazione di buonsenso. Nell’emergenza sanitaria che sta vivendo il nostro Paese, i datori di lavoro sono toccati da una responsabilità morale, prima ancora che giuridica. Consapevoli che solo tutelando gli altri sapranno proteggere anche se stessi.

fonte: quotidianogiuridico.it
link: https://www.quotidianogiuridico.it/documents/2020/04/28/la-responsabilita-penale-del-datore-di-lavoro-per-contagio-da-covid-19

Share

leggi tutte le news

rss

Manovra, il rischio copertura per la flat tax  e i dubbi sul calo del debito nel 2023

Stretto di Messina: il ponte che non si è mai fatto è costato già 1,2 miliardi

Perché la prevenzione  in Italia è solo un sogno

Che cosa è la polizia morale in Iran: le pattuglie in divisa verde che vanno a caccia delle «malvelate»

Arrivabene: «Lì tutti esperti a fare i trucchetti». I pm: Elkann e Agnelli sapevano

140. Lasciare tracce

L'inquietudine ucraina per le armi italiane: «Vecchie e senza munizioni, i russi ci bombardano con tutto quello che hanno»

«Gérard Depardieu mi svelò l’amore tra la nonna materna e suo nonno paterno»

Rita Rusic: «Capii che Vittorio Cecchi Gori voleva annientarmi. Il mio fidanzato? Ha 32 anni»

Filomena Lamberti, sfigurata con l’acido dal marito: «Lui ha patteggiato 18 mesi. A me 300 euro di pensione»

Mbappé nasconde lo sponsor Budweiser: ecco perché (solo lui) non lo mostra mai

Ronaldo, in Portogallo i tifosi lo scaricano: meglio in panchina

Il pronostico perfetto di Macron: azzeccati risultato e marcatori di Francia-Polonia

Investire nel 2023: torna il rendimento sui bond, azioni in ripresa solo a fine anno

Inflazione, perché i risparmi degli italiani possono ridursi di 270 miliardi

Essilux, la svolta digitale. Il ceo Milleri: «Nell’Experience center progettiamo il futuro»

Cantiere del Pardo punta sulla formazione e premia i dipendenti con aumenti del 20%

Un'enorme valanga verso il villaggio: le immagini dall’India

Da Rotterdam ad Amsterdam in barca: il video in timelapse è spettacolare

Kate e William a Boston: lei splendida in abito verde a spalle scoperte (e con la collana di Diana)

Tromba d'aria a Isola Capo Rizzuto, danni e famiglie sfollate

Messi segna e il quartiere esplode di gioia, ma in strada non c’è nessuno: il rumore assordante dalle case

Alle Hawaii ancora spettacolari eruzioni sul Mauna Loa, il vulcano più grande al mondo

Perché non fare colazione  è un errore (non solo  per i ragazzi) e come farla  

La psicoterapia aiuta di più quando c’è la partecipazione attiva del paziente

Maremoto a Stromboli, un’onda anomala di un metro e mezzo fa scattare l’allarme sull’isola

La star Nba Dwyane Wade e l’ex moglie Siohvaughn Funches: scontro legale sulla figlia transgender

Morto Dominique Lapierre, l’autore de «La città della gioia»

Florida: mostra il distintivo a un agente per evitare una multa, sospesa la capa della polizia

Sda Bocconi quarta in Europa nella classifica delle business school

Jury Chechi: «L’allenamento calistenico è il mio segreto contro il decadimento, temo di invecchiare»

«Sono sola da due anni: arriverà mai la persona in grado di stravolgermi la vita?»

Perché Djokovic, lucido e freddo ha conquistato anche gli italiani

Sanremo 2023, i nomi dei Big annunciati da Amadeus: 22 cantanti (più 6 giovani)

Stefano Bollani compie 50 anni: ha iniziato a suonare quando ne aveva 6, la lettera a Carosone, 8 segreti

Il migliore panettone d’Italia 2022 è di Sal De Riso

Francesca Cipriani ha sposato l’arredatore Alessandro Rossi. Ma Signorini ha dato buca come testimone

Enogastronomia tra tecnologia e tradizione: chef Berton e Cristina Nonino nel podcast «Tech.Emotion»

Santo Versace: «Ero morto insieme a Gianni. Mia moglie Francesca mi ha salvato»

Rudy Zerbi, 4 figli da 3 donne diverse e la scoperta a 30 anni del suo padre naturale (Davide Mengacci)

«Regala una speranza anche agli animali»: l’iniziativa di Leidaa per i nostri amici abbandonati

I giovani applaudono Boris Godunov«La cultura non va mai censurata»

Chilly Gonzales, il pianista-rapper che fa concerti in vestaglia e pantofole

«House of Gucci», la moda vista tra stereotipi e soap opera

Massimiliano Gallo, figlio d’arte, neo sposo e avvocato d’insuccesso in «Malinconico»

La prima della Scala. Riccardo Chailly: «Portiamo in scena la vertigine del potere ma Putin non c’entra»

Tra calcio e diritti umani. Abbiamo già perso il Mondiale a casa dello sceicco?

Parole o Frasi fastidiose: ora scegliamo le 5 peggiori da questa lista di 30 voci

La posta del cuore di Gramellini: «Mi ha fatto scoprire il mondo del trekking, poi è partito con un’altra»

Regione Sicilia, scontro in Forza Italia. Miccichè a Falcone: «Imbroglione». Schifani: «Momenti imbarazzanti»

Giorgia Meloni: «Meraki è la nostra parola d’ordine». Cosa significa

Schifani (FI): «Attenti all’autonomia. Zaia? Io sono vicino a Emiliano e De Luca»

Il sondaggio: Fratelli d’Italia sale al 31,4%, Lega al 7,3%. M5S supera il Pd, il Terzo polo raggiunge Forza Italia

Addio, Iowa: i democratici votano per cominciare le primarie dal South Carolina

Snowden giura fedeltà a Mosca e ottiene il passaporto russo

Demolita la casa di Elnaz Rekabi, l’atleta iraniana di arrampicata che aveva gareggiato senza velo a Seul

William vede Biden e lo ringrazia per esser volato a Londra per la regina

Pagelle Francia-Polonia: imprendibile Mbappé (8), nessuno come Giroud (7) Koundé (6), la collanina non va

Adriano, divorzio dopo 24 giorni per vedere il Brasile al Mondiale (e 2 notti lontano da Micaela)

Julian Alvarez, Spiderman, il Kangoo, la fidanzata insegnante: chi è la nuova stella argentina

Franco Berrino: «Ecco i cibi vegetali che modificano in meglio il nostro DNA»

Insulti al ristorante a una coppia che chiede di cambiar tavolo per allontanarsi da un bambino che piange

Pasticcerie Gambero Rosso 2023: quali sono le migliori d’Italia

Campionato del mondo di bollicine, Ferrari è la cantina dell’anno, Kettmeir ha il miglior spumante italiano

Dal recupero dell’ex manicomio al centro servizi per fragili: è tempo di rilancio del sociale

Caltagirone: omaggio a Carlo Levi e ai suoi giorni siciliani

A tavola con 3mila bambini: così il pasto sicuro dà valore alla scuola

Ma che freddo fa? Tra cibo, creme e abbigliamento: ecco come difendersi

Alle medie in Puglia si insegna la lingua dei segni. A tutti

Valditara: «Un’ora alla settimana di orientamento». A scuola un orario colabrodo

Scuola, iscrizioni 2023-24 al via il 9 gennaio. Cosa c’è da sapere

Eduscopio 2022, la classifica delle scuole superiori. Da Milano a Roma, da Torino a Napoli

Perché l’allenamento ad alta intensità fa passare la fame

Simone Moro e la vita al freddo: «Riposo, niente alcol e finestra sempre aperta di notte»

Le persone disabili che si ammalano di cancro sono ancora pazienti di «serie B»

Esiste un legame tra deficit erettile e diabete: come si può intervenire?

Morta Bianchina, il cane mascotte del centro storico a Mazara del Vallo: le verrà dedicato il rifugio sanitario

Alla scoperta dei cavalli del parco dell’Aveto, tra gli ultimi «selvaggi» d’Italia

Il commercio illegale di tigri non conosce ostacoli: oltre 150 esemplari catturati e venduti ogni anno

Più gatti, più belli: la nuova vita di Rosanna Lambertucci. «Mi sono innamorata dei felini, ora aiuto i più sfortunati»

Lancia Ypsilon diventa un crossover: elettrica e a benzina, tutto quello che sappiamo sul nuovo modello

Car of the Year 2023, ecco le sette finaliste come auto dell’anno: c’è anche la Jeep Avenger

Lamborghini Huracán Sterrato, tutte le novità della supercar per strada e fuoristrada

Toyota Coupé «travestita» da Ferrari fermata dalla Guardia di Finanza. Denunciato il proprietario. Il video

Classifica di Qualità de «la Lettura», Paolo Giordano è il re del 2022

Un secolo fa l’Istituto di cultura. Il primato italiano di Praga

Cinema, romanzi, mistero: a Milano è «Noir in Festival»

Le «regole» del pianista Campanella. Il focus nell’App de «la Lettura» (e la Classifica di Qualità)

Cementificazione, in Italia perdiamo due metri quadri di suolo al secondo

Pos, obbligo dai 60 euro: i dubbi della Corte dei conti. M5S attacca: la norma va stralciata

newsletter
Azienda

Email

il risultato di 6 + 4 in lettere *


area riservata
Dove Siamo

Altamura (BA) 70022 Via Cufra, 45/D
tel. 080.3149359
cell. 3476284777
fax 080.2143453

Tricarico (MT) 75019 Via Aldo Moro n. 4
tel. 0835.724111
info@securproject.net
P.IVA 06823550725

privacy policy e cookies

Accreditamenti


Certificazione

Crediti

web site by 01Rabbit
design by Michele Cignarale