La responsabilita penale del datore di lavoro per contagio da Covid-19

Il “Decreto Cura Italia” considera il contagio da coronavirus in ambito di lavoro come un infortunio meritevole, in quanto tale, di ricevere la copertura assicurativa Inail. Il datore di lavoro, pertanto, è potenzialmente esposto alla responsabilità penale per i reati di lesioni ai sensi dell’art. 590 c.p. e omicidio colposo ai sensi dell’art. 589 c.p., aggravati dalla violazione delle norme antinfortunistiche, laddove non abbia adottato le misure necessarie a prevenire il rischio di contagio, cagionando così la malattia o morte del lavoratore. L’articolo commenta i profili penali legati alla posizione di garanzia del datore di lavoro e considera l’onere probatorio sul nesso di causalità tra il contagio e l’ambiente di lavoro, nonché l’elemento soggettivo della condotta.
L’articolo 42 comma 2 del Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020 (“Decreto Cura Italia”) ha previsto la copertura Inail per gli assicurati che contraggono un’infezione da coronavirus “in occasione di lavoro”. Un’espressione, quest’ultima, che lascia intendere un’applicabilità della tutela assicurativa anche ai contagi “in itinere” e finanche ai casi di lavoro a distanza.
L’Inail, dal canto suo, ha precisato nella circolare n. 13 del 3 aprile 2020 che le malattie infettive e parassitarie sono pacificamente inquadrate nella categoria degli infortuni sul lavoro, a cui si debbono pertanto ricondurre anche i casi di infezione da coronavirus.
Il contagio da Covid-19 si qualifica così come un infortunio che, come tale, schiude un potenziale profilo di responsabilità penale per il datore di lavoro che non abbia adottato le misure necessarie a prevenirne il rischio.
Laddove si possa accertare che l’inosservanza delle misure antinfortunistiche sia stata causa di infezione-malattia del lavoratore, il datore di lavoro risponderà dei reati di lesioni personali gravi o gravissime ai sensi dell’art. 590 c.p. (salvo ipotesi di malattia lieve, guaribile in meno di 40 giorni, nel qual caso scatterebbe anche la procedibilità a querela), oppure di omicidio colposo ai sensi dell’art. 589 c.p. qualora al contagio sia seguita la morte.
L’imprenditore nonché datore di lavoro, infatti, è titolare di una posizione di garanzia che discende in primo luogo dall’art. 2087 c.c. e gli impone di tutelare l'integrità fisica dei prestatori di lavoro.
A questa norma generale si affiancano poi le disposizioni previste dal D.Lgs. n. 81/2008 (T.U. Salute e Sicurezza sul lavoro) e, in particolare, dall’art. 18, che pone a carico del datore di lavoro alcuni obblighi specifici tra cui ad esempio:
- fornire ai lavoratori i necessari e idonei dispositivi di protezione individuale;
- informare il più presto i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione;
- astenersi dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave e immediato.
C’è poi l’articolo 271 del medesimo Testo Unico, che impone l’obbligo al datore di lavoro di valutare anche il rischio biologico.
È bene ricordare inoltre che trascurare gli obblighi previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 sarebbe già di per sé motivo di sanzione penale, in forma di arresto o ammenda, a prescindere dal fatto che si siano verificati o meno degli infortuni.
Da non ultimo rileva poi l’ancor più esplicito contenuto della recente normativa emergenziale, di cui è esempio l’articolo 2, comma 6, del DPCM 26 aprile 2020, che impone alle imprese le cui attività non sono sospese di rispettare “i contenuti del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 24 aprile 2020 fra il Governo e le parti sociali”. Vale a dire rispettare, tra le altre, le regole sulle informazioni da fornire ai dipendenti, sulle modalità e gestione degli ingressi e uscite dall’azienda, sull’accesso dei fornitori esterni, pulizia e sanificazione, sulle precauzioni igieniche personali e dispositivi di protezione individuale, sulla gestione degli spazi comuni e organizzazione aziendale, nonché sulla gestione di una persona sintomatica e sulla sorveglianza sanitaria.
Per contro, le imprese la cui attività è stata sospesa dai decreti emergenziali e che ciò nonostante continuano a lavorare in spregio alle misure di contenimento del virus, potrebbero oggettivamente considerarsi in contrasto con le norme cautelari, a prescindere dalle precauzioni adottate al loro interno.
In definitiva, se l’imprenditore o meglio il datore di lavoro investito degli obblighi sopracitati non si attiva per impedire il contagio da coronavirus, allora si profila per lui una condotta omissiva penalmente rilevante ai sensi dell’art. 40 comma 2 c.p. qualora sia possibile ravvisare un nesso di causalità tra la sua inerzia e l’evento-contagio.
Dimostrare che l’infezione sia avvenuta “in occasione di lavoro” è però tutt’altro che semplice.
Si direbbe piuttosto una probatio diabolica, tanto che anche la comunità scientifica non sembra aver ancora sciolto ogni dubbio sulle modalità di contagio ed anche i sistemi di contact tracing, allo studio in questi giorni, non paiono essere in grado di ricostruire con sufficiente certezza le linee di diffusione del virus.
Sul punto anche l’Inail ha fatto sapere nella propria circolare n. 13/2020 che la copertura assicurativa è riconosciuta al lavoratore a condizione che la malattia sia stata contratta durante l’attività lavorativa e che l’onere della prova è a carico dell’assicurato. Fanno eccezione alcune categorie professionali ad elevato rischio, come ad esempio gli operatori sanitari, gli operatori dei front-office, i cassieri e gli addetti alle vendite/banconisti per i quali Inail ha introdotto una presunzione semplice di contagio d’origine professionale, con conseguente inversione dell’onere della prova a carico dei datori di lavoro.
Presunzioni che - almeno in teoria - non potrebbero comunque reggere da sole l’accusa in sede penale, dove vige il principio di presunzione d’innocenza e l’onere della prova è a carico del Pubblico Ministero (art. 27, comma 2, Cost.).
Tuttavia, merita ricordare che la Corte Europea dei diritti dell’uomo (sentenza 7 ottobre 1988 Salabiaku vs. Francia) ha ritenuto che le presunzioni legali possano essere compatibili con la presunzione d’innocenza di cui all’art. 6 CEDU, purché vengano confinate entro limiti ragionevoli ed ammettano la prova contraria, ovvero siano presunzioni semplici. Nello stesso senso si esprime anche il considerando n. 22 della Direttiva UE n. 343 del 9 marzo 2016.
Le presunzioni, semmai, potranno assumere rilievo come indizi e potranno essere adoperate ai fini di prova del nesso di causalità solo se gravi, precise e concordanti, secondo una logica di giudizio controfattuale che consenta di escludere con sufficiente certezza l’esistenza di altre cause di contagio, in ossequio alla necessità di dimostrare la colpevolezza dell’imputato “al di là di ogni ragionevole dubbio” (art. 533 c.p.p.).
Ai fini della valutazione del nesso causale sul contagio da Covid-19 occorre inoltre considerare che il sito del Ministero della Salute riporta che “il periodo di tempo che intercorre fra il contagio e lo sviluppo dei sintomi clinici varia fra 2 e 11 giorni, fino ad un massimo di 14 giorni”, senza contare che in alcuni soggetti i sintomi potrebbero addirittura non presentarsi del tutto (www.salute.gov.it – FAQ Covid-19).
In un arco di tempo così variabile è probabile che possano interferire anche fattori estranei alla dimensione del lavoro, come ad esempio le fonti di contagio presenti negli ambienti domestici o in altri luoghi, quali i supermercati e le farmacie frequentate dal lavoratore, o ancora il comportamento abnorme ed esorbitante dell’interessato che non osserva con diligenza i protocolli di prevenzione.
Queste considerazioni non devono tuttavia lasciar spazio a comportamenti spregiudicati dei datori lavoro ed anzi quanto più essi trascureranno gli obblighi e le regole precauzionali, tanto più aumenterà la probabilità di ravvisare un nesso causale tra il loro comportamento negligente e il contagio del lavoratore.
Volendo estremizzare questo concetto, nei casi di gravi violazioni delle regole cautelari, si potrebbe addirittura trascendere da una responsabilità omissiva colposa ad un’ipotesi dolosa, quantomeno nella forma del dolo eventuale. Si pensi ad esempio all’imprenditore che non sia ancora adeguatamente attrezzato per riaprire in sicurezza la propria azienda ma che, ciò nonostante, decida di richiamare al lavoro i propri dipendenti per riavviare la produzione confidando che nessuno si contagerà (colpa cosciente) oppure accettando il rischio che tra loro possa diffondersi un contagio (dolo eventuale). Sulla distinzione tra dolo eventuale e colpa cosciente si veda per tutte Cass. Sez. Unite, 24/04/14, n. 38343 caso Thyssenkrupp.
 
Vale infine una considerazione di buonsenso. Nell’emergenza sanitaria che sta vivendo il nostro Paese, i datori di lavoro sono toccati da una responsabilità morale, prima ancora che giuridica. Consapevoli che solo tutelando gli altri sapranno proteggere anche se stessi.

fonte: quotidianogiuridico.it
link: https://www.quotidianogiuridico.it/documents/2020/04/28/la-responsabilita-penale-del-datore-di-lavoro-per-contagio-da-covid-19

Share

leggi tutte le news

rss

La maestra e il sindacalista

Indice Rt, trend positivo: nessuna regione sopra 1. «Focolai in Italia, epidemia non conclusa»

Nel mondo 6,7 milioni di casi, le vittime  sono 395 mila| Quei numeri pi? alti di Ebola Oms: «Mascherine mediche per gli over 60»

Scuola, rientro a settembre: il plexiglass divide. Visiere per insegnanti, 0rari flessibili, didattica nei musei

Prato, la maestra Francesca legge i libri ai bimbi nel parco. E il sindacato l’attacca: «Viola le regole»

Milano, maxi rissa nella notte in pieno centro: grave 25enne accoltellato al torace

Se si votasse oggi? Salvini e Meloni non bastano, serve Forza Italia

Lite Conte-Pd, slittano gli Stati generali   Il premier: «L’Italia non pu? aspettare» Strategia a tappe per poi dire s? al Mes

Floyd, spunta video di un altro afroamericano morto dopo l’arresto

Super ecobonus al 110%, sismabonus, facciate e infissi: come chiedere i rimborsi per i lavori in casa

Persone non numeri: il supplemento che ricorda le vittime del coronavirus

Il Paese deve tornare alla normalit?. Ci vuole il coraggio di decidere quando

Biglietti falsi, migliaia  di fan di Vasco Rossi truffati con le vendite online

Vaticano, arrestato il broker Torzi per lo scandalo  del palazzo di Londra 

Bonus bici e monopattino, vendite raddoppiate. Verso l’incentivo in busta paga Come si richiede: la guida

La spesa che racconta chi siamo: ecco cosa compriamo nel post lockdown

Soldi direttamente in tasca ai cittadini? Che effetto ha avuto l’«helicopter money» di Trump

Risparmio, sempre pi? soldi sui conti correnti degli italiani: ora sono oltre 1.400 miliardi

Carlo Rovelli: «Ho scoperto tardi i problemi ambientali.  E me ne vergogno un po’»

Gaia canta «Chega»: la versione live inedita per «Pianeta 2020»

Pel?: anche i concerti possono essere pi? green. Silvestri: il virus ? un’occasione per cambiare le cose

Costa: «Dobbiamo fare presto: proposte concrete per un futuro post Covid davvero sostenibile» Video

Il brivido di guidare la Lamborghini della Polizia: il video a 360 gradi

L’anziano manifestante spinto a terra dalla polizia indigna di nuovo gli Usa

Paura sulla A1 a Lodi, autoarticolato sbanda vistosamente: fermato il camionista ubriaco

Norvegia, frana trascina le case in mare: il video

Morte Floyd, proteste a Ottawa: Trudeau in ginocchio in segno di rispetto

Salvini a Napoli: contestato mentre commemora agente ucciso

McEwan e Rushdie: dialogo d’autore su la Lettura (che oggi ? gi? nell’App)

Passo indietro di Baffi  dopo le polemiche: lascia  la presidenza della commissione Covid

Di Battista apre la resa  dei conti nel Movimento L’asse con Casaleggio  per la leadership

«Fontana assassino, Sala zerbino», la scritta sul muro apparsa a Milano

Ponte, scontro sull’inaugurazione  I parenti delle vittime: niente show

Lampedusa, incendi dolosi nei depositi delle barche dei migranti

Incidente sulla A1 ad Arezzo, 4 morti: tra le vittime anche due bambini

Il legale caduto in Procura e rimasto paralizzato: nessuno a processo

Non solo Maddie: il pedofilo Christian Brückner indagatoper la scomparsa di Inga, 5 anni

Caso Balotelli: Cellino lo licenzia per giusta causa. Diego Lopez: «Mario mi ha deluso».

Truffa online, un falso concorso Iliad ruba i dati della carta di credito

I divorzi pi? cari della storia dello sport: Tiger, Jordan? No, Abramovich batte tutti

Dal look sportivo di Alena al tubino di Beatrice Valli: i look di tendenza delle neo mamme (e dei loro beb?)

"Il fuggitivo" stasera in tv. Harrison Ford zoppo e la storia d'amore mancata con Julianne Moore. I 15 segreti

Amici Speciali, le pagelle: Michele Bravi arriva dritto al cuore (voto 8), Sabrina Ferilli e lo scherzo da incubo (voto 5)

Stash diventa pap?: l’annuncio di Maria De Filippi ad «Amici Speciali»

Dolce & Gabbana, sfilata in Humanitas con pubblico e modelli

Il direttore delle guide Michelin: «Anche hamburger e take away potranno meritare la stella»

Benvenuti nel Giardino segreto virtuale: una terapia gratuita per ridurre ansia e stress

L’Osservatorio  giovani-editori compie 20 anni ed ? pronto  alla sfida globale

Una via per Vittorio Valletta e un’identit? per Torino

Caos idrossiclorochina, che cosa sappiamo oggi di questo farmaco?

Droplet, congiunti, zona rossa: l’influenza delle parole Il libro con il «Corriere»

Sindaci in bolletta: dopo il Covid mancano 8 miliardi nelle casse dei comuni |L’Economia luned? gratis

Quattro domande per Bonafede: la video-petizione di magistrati e avvocati

Le Olimpiadi di Roma nel 1960, il vero inizio della tv italiana

Milano tra proteste e politica, il questore Bracco: un diritto scendere in piazza ma attenti al clima d’odio

Quattro mesi di ritardie sipario solo nel 2021Gli effetti del virussui cantieri del Lirico

Saronno, attrezzature mediche rubate e rivendute: «Cos? ci compriamo la borsa di Prada»

Un tavolo vista cielo

Comune sconfittoal Consiglio di Stato:via Urbana non sar? pedonalizzata

Gelaterie, parrucchieri, officine e pizzeriesenza pi? orari di chiusura

Roma, l’ultimo alibi dello stalker: auto-minacciarsi e passare da vittima

«Voci di corridoio», esce l’album d'esordio dei Reclame, band romana

Non solo George Floyd. Breonna Taylor avrebbe compiuto 27 anni il 5 giugno. ? stata uccisa dalla polizia

Monaco reinventa il Carré d’or con le palme (come piazza Duomo a Milano)

Nell'America travolta dalle tensioni razziali, muore l'ultima pensionata della Guerra Civile

Trudeau e quei 23 secondi di pausa prima di (non) parlare di Trump

Ecco l’Italia dei Festival

Tommaso Paradiso: «Mio padre mi abbandon? quando avevo 6 mesi, non volevo farlo andare via»

«Piazzapulita», ultima puntata: non un talk ma una inchiesta

The Truman Show, 22 anni dopo. Ecco che fine hanno fatto i protagonisti e i segreti della pellicola

I divorzi pi? cari della storia dello sport: Tiger, Jordan? No, Abramovich batte tutti

Roger Federer, vita di lusso nel suo attico da 14,5 milioni a Dubai (anche se l’arredamento lascia a desiderare)

Ferrari, Binotto: «Se Vettel andasse alla Mercedes? Sarei felice per lui»

Ajan, sollevamento pesi: doping, corruzione, i soldi del Cio, ? il pi? grande scandalo dello sport

Lo sfogo della preside: i ragazzi si possono rivedere in pizzeria ma non a scuola. Perché?

Centri estivi per i bimbi 0-3 anni. Via libera del Comitato tecnico scientifico

Rientro a scuola: i banchi in chiesa. Si far? lezione dove si diceva la messa

«Zucini» e «potatoe»: ecco gli errori pi? comuni quando si scrive in inglese

Serie tv, guida alle uscite della settimana (dal 5 all’11 giugno)

Troppe frasi violente: Snapchat «nasconde» il profilo di Trump

Sicilia lancia SiciliaSiCura: come funziona l'app (non obbligatoria) per registrare l'ingresso nella regione

Pizza party in giardino, cos? Brad Pitt riunisce dopo anni (e la pandemia) la famiglia

«La prova del cuoco» chiude dopo 20 anni. Addio della Isoardi. Nuovo show per la Clerici?

Torte semplici: il dolce al limone senza burro né farina (ma con fagioli) di Anna Jones

Insalata di fave, menta e cipolla di Tropea

Aquaplaning: le sei regole per non «galleggiare» in strada sotto il temporale

Come trasportare la bici in auto: strumenti e regole

L'intramontabile Ypsilon adesso ? anche ibrida

La riscoperta della bici: il boom «elettrico»

Ode alle donne di Carnia. Un romanzo racconta le Portatrici

Nella nuova era l’impresa deve farsi «sistema vivente»

Decreto Rilancio, 40 milioni per le librerie e la filiera

Gigi Riva: calcio, amore, riscatto: la vita eroica di un campione

«Mettiti Scomodo», il giornale scritto dagli studenti per gli studenti

In campo i giovani della Lipu: «Tuteliamo le specie protette»

Da rifugiati a videomaker: «Ecco la nostra storia nella casa degli italiani»

«Ripartiamo dall’ambiente»: l’asta eco-solidale che sostiene le ong

Bastano due settimane da sedentari per ingrassare (e non solo)

Doccia tutti i giorni? Gli errori da evitare e le istruzioni per l'uso

Mani, il loro colore e l’aspetto aiutano a scoprire le malattie

Decreto rilancio, gli emendamenti per le famiglie con animali: assegno «una tantum», e riduzione dell’Iva

Macachi Torino, il Tar: «Gli esperimenti devono riprendere»

Il ritorno dei rondoni, campioni di volo: a Milano censimento delle colonie

Il cane adolescente ? come un ragazzo: bisogna saperlo ascoltare e guidare

Prestito a Fca, Gualtieri: «Impegni specifici e sanzioni in caso mancato rispetto»

Nikola porta i tir a idrogeno in Borsa. E Musk (Tesla) gli fa causa sul design

Addio influencer, ora vince il «broker». Ecco come si formano le opinioni

«Il socio d'affari perfetto. Come scegliere le persone giuste per un’impresa»

newsletter
Azienda

Email


area riservata
Dove Siamo

Altamura (BA) 70022 Via Cufra, 45/D
tel. 080.3149359
cell. 3476284777
fax 080.2143453

Tricarico (MT) 75019 Via Aldo Moro n. 4
tel. 0835.724111
info@securproject.net
P.IVA 06823550725

privacy policy e cookies

Accreditamenti


Certificazione

Crediti

web site by 01Rabbit
design by Michele Cignarale