La responsabilita penale del datore di lavoro per contagio da Covid-19

Il “Decreto Cura Italia” considera il contagio da coronavirus in ambito di lavoro come un infortunio meritevole, in quanto tale, di ricevere la copertura assicurativa Inail. Il datore di lavoro, pertanto, è potenzialmente esposto alla responsabilità penale per i reati di lesioni ai sensi dell’art. 590 c.p. e omicidio colposo ai sensi dell’art. 589 c.p., aggravati dalla violazione delle norme antinfortunistiche, laddove non abbia adottato le misure necessarie a prevenire il rischio di contagio, cagionando così la malattia o morte del lavoratore. L’articolo commenta i profili penali legati alla posizione di garanzia del datore di lavoro e considera l’onere probatorio sul nesso di causalità tra il contagio e l’ambiente di lavoro, nonché l’elemento soggettivo della condotta.
L’articolo 42 comma 2 del Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020 (“Decreto Cura Italia”) ha previsto la copertura Inail per gli assicurati che contraggono un’infezione da coronavirus “in occasione di lavoro”. Un’espressione, quest’ultima, che lascia intendere un’applicabilità della tutela assicurativa anche ai contagi “in itinere” e finanche ai casi di lavoro a distanza.
L’Inail, dal canto suo, ha precisato nella circolare n. 13 del 3 aprile 2020 che le malattie infettive e parassitarie sono pacificamente inquadrate nella categoria degli infortuni sul lavoro, a cui si debbono pertanto ricondurre anche i casi di infezione da coronavirus.
Il contagio da Covid-19 si qualifica così come un infortunio che, come tale, schiude un potenziale profilo di responsabilità penale per il datore di lavoro che non abbia adottato le misure necessarie a prevenirne il rischio.
Laddove si possa accertare che l’inosservanza delle misure antinfortunistiche sia stata causa di infezione-malattia del lavoratore, il datore di lavoro risponderà dei reati di lesioni personali gravi o gravissime ai sensi dell’art. 590 c.p. (salvo ipotesi di malattia lieve, guaribile in meno di 40 giorni, nel qual caso scatterebbe anche la procedibilità a querela), oppure di omicidio colposo ai sensi dell’art. 589 c.p. qualora al contagio sia seguita la morte.
L’imprenditore nonché datore di lavoro, infatti, è titolare di una posizione di garanzia che discende in primo luogo dall’art. 2087 c.c. e gli impone di tutelare l'integrità fisica dei prestatori di lavoro.
A questa norma generale si affiancano poi le disposizioni previste dal D.Lgs. n. 81/2008 (T.U. Salute e Sicurezza sul lavoro) e, in particolare, dall’art. 18, che pone a carico del datore di lavoro alcuni obblighi specifici tra cui ad esempio:
- fornire ai lavoratori i necessari e idonei dispositivi di protezione individuale;
- informare il più presto i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione;
- astenersi dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave e immediato.
C’è poi l’articolo 271 del medesimo Testo Unico, che impone l’obbligo al datore di lavoro di valutare anche il rischio biologico.
È bene ricordare inoltre che trascurare gli obblighi previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 sarebbe già di per sé motivo di sanzione penale, in forma di arresto o ammenda, a prescindere dal fatto che si siano verificati o meno degli infortuni.
Da non ultimo rileva poi l’ancor più esplicito contenuto della recente normativa emergenziale, di cui è esempio l’articolo 2, comma 6, del DPCM 26 aprile 2020, che impone alle imprese le cui attività non sono sospese di rispettare “i contenuti del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 24 aprile 2020 fra il Governo e le parti sociali”. Vale a dire rispettare, tra le altre, le regole sulle informazioni da fornire ai dipendenti, sulle modalità e gestione degli ingressi e uscite dall’azienda, sull’accesso dei fornitori esterni, pulizia e sanificazione, sulle precauzioni igieniche personali e dispositivi di protezione individuale, sulla gestione degli spazi comuni e organizzazione aziendale, nonché sulla gestione di una persona sintomatica e sulla sorveglianza sanitaria.
Per contro, le imprese la cui attività è stata sospesa dai decreti emergenziali e che ciò nonostante continuano a lavorare in spregio alle misure di contenimento del virus, potrebbero oggettivamente considerarsi in contrasto con le norme cautelari, a prescindere dalle precauzioni adottate al loro interno.
In definitiva, se l’imprenditore o meglio il datore di lavoro investito degli obblighi sopracitati non si attiva per impedire il contagio da coronavirus, allora si profila per lui una condotta omissiva penalmente rilevante ai sensi dell’art. 40 comma 2 c.p. qualora sia possibile ravvisare un nesso di causalità tra la sua inerzia e l’evento-contagio.
Dimostrare che l’infezione sia avvenuta “in occasione di lavoro” è però tutt’altro che semplice.
Si direbbe piuttosto una probatio diabolica, tanto che anche la comunità scientifica non sembra aver ancora sciolto ogni dubbio sulle modalità di contagio ed anche i sistemi di contact tracing, allo studio in questi giorni, non paiono essere in grado di ricostruire con sufficiente certezza le linee di diffusione del virus.
Sul punto anche l’Inail ha fatto sapere nella propria circolare n. 13/2020 che la copertura assicurativa è riconosciuta al lavoratore a condizione che la malattia sia stata contratta durante l’attività lavorativa e che l’onere della prova è a carico dell’assicurato. Fanno eccezione alcune categorie professionali ad elevato rischio, come ad esempio gli operatori sanitari, gli operatori dei front-office, i cassieri e gli addetti alle vendite/banconisti per i quali Inail ha introdotto una presunzione semplice di contagio d’origine professionale, con conseguente inversione dell’onere della prova a carico dei datori di lavoro.
Presunzioni che - almeno in teoria - non potrebbero comunque reggere da sole l’accusa in sede penale, dove vige il principio di presunzione d’innocenza e l’onere della prova è a carico del Pubblico Ministero (art. 27, comma 2, Cost.).
Tuttavia, merita ricordare che la Corte Europea dei diritti dell’uomo (sentenza 7 ottobre 1988 Salabiaku vs. Francia) ha ritenuto che le presunzioni legali possano essere compatibili con la presunzione d’innocenza di cui all’art. 6 CEDU, purché vengano confinate entro limiti ragionevoli ed ammettano la prova contraria, ovvero siano presunzioni semplici. Nello stesso senso si esprime anche il considerando n. 22 della Direttiva UE n. 343 del 9 marzo 2016.
Le presunzioni, semmai, potranno assumere rilievo come indizi e potranno essere adoperate ai fini di prova del nesso di causalità solo se gravi, precise e concordanti, secondo una logica di giudizio controfattuale che consenta di escludere con sufficiente certezza l’esistenza di altre cause di contagio, in ossequio alla necessità di dimostrare la colpevolezza dell’imputato “al di là di ogni ragionevole dubbio” (art. 533 c.p.p.).
Ai fini della valutazione del nesso causale sul contagio da Covid-19 occorre inoltre considerare che il sito del Ministero della Salute riporta che “il periodo di tempo che intercorre fra il contagio e lo sviluppo dei sintomi clinici varia fra 2 e 11 giorni, fino ad un massimo di 14 giorni”, senza contare che in alcuni soggetti i sintomi potrebbero addirittura non presentarsi del tutto (www.salute.gov.it – FAQ Covid-19).
In un arco di tempo così variabile è probabile che possano interferire anche fattori estranei alla dimensione del lavoro, come ad esempio le fonti di contagio presenti negli ambienti domestici o in altri luoghi, quali i supermercati e le farmacie frequentate dal lavoratore, o ancora il comportamento abnorme ed esorbitante dell’interessato che non osserva con diligenza i protocolli di prevenzione.
Queste considerazioni non devono tuttavia lasciar spazio a comportamenti spregiudicati dei datori lavoro ed anzi quanto più essi trascureranno gli obblighi e le regole precauzionali, tanto più aumenterà la probabilità di ravvisare un nesso causale tra il loro comportamento negligente e il contagio del lavoratore.
Volendo estremizzare questo concetto, nei casi di gravi violazioni delle regole cautelari, si potrebbe addirittura trascendere da una responsabilità omissiva colposa ad un’ipotesi dolosa, quantomeno nella forma del dolo eventuale. Si pensi ad esempio all’imprenditore che non sia ancora adeguatamente attrezzato per riaprire in sicurezza la propria azienda ma che, ciò nonostante, decida di richiamare al lavoro i propri dipendenti per riavviare la produzione confidando che nessuno si contagerà (colpa cosciente) oppure accettando il rischio che tra loro possa diffondersi un contagio (dolo eventuale). Sulla distinzione tra dolo eventuale e colpa cosciente si veda per tutte Cass. Sez. Unite, 24/04/14, n. 38343 caso Thyssenkrupp.
 
Vale infine una considerazione di buonsenso. Nell’emergenza sanitaria che sta vivendo il nostro Paese, i datori di lavoro sono toccati da una responsabilità morale, prima ancora che giuridica. Consapevoli che solo tutelando gli altri sapranno proteggere anche se stessi.

fonte: quotidianogiuridico.it
link: https://www.quotidianogiuridico.it/documents/2020/04/28/la-responsabilita-penale-del-datore-di-lavoro-per-contagio-da-covid-19

Share

leggi tutte le news

rss

Maggioranza più larga o le urne: Conte sente i leader e va da Mattarella

Taglio del cashback e stop alla riforma della giustizia: gli agguati al governo pronti in Parlamento

Dpcm, le risposte del governo su riunioni  di condominio, seconde case, partner lontani

Biden presidente, i primi atti: virus, clima, migranti

Londra, 1.820 morti in 24 ore. Usa, superate le vittime della Seconda Guerra Mondiale

Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi 20 gennaio: 13.571 nuovi casi e 524 morti

L’Ema e i vaccini Pfizer con meno Rna: «Funzionavano lo stesso, problema risolto»

Previdenza, cosa cambia nel 2021? Le novità Tutte le strade che portano alla pensione

Bolzano, morta la fotografa Erika Gamper: precipitata da un ponte per fare uno scatto

Morto Harry Brant, «piccolo Lord» dell’alta società newyorkese

Esplosione a Madrid, sventrato edificio: tre vittime. «Fuga di gas»

Bolzano, le indagini su Benno Neumair e il bliz dei carabinieri all’autolavaggio: trovati sangue e acqua ossigenata

Superbonus al 110%, dubbi  e domande? Online il sito  del governo per i quesiti

Smart working semplificato scade il 31 marzo. Senza deroghe si torna in ufficio

Treedom, 1,6 milioni di alberi a distanza. L’idea che piace a Bill Gates

Quanto guadagna davvero un rider? Lo strano caso del fattorino da 3 mila euro

Casa, prezzi e tendenze per investire in città dopo il Covid

L’allenamento ipnotico: a 6 anni controlla la palla da campione

Segre: «Salvini che cita Grillo? Sono scaramantica, mi allungano la vita»

Sandra Lonardo risponde a Meloni: «Ricordo che volò con Scilipoti per restare al governo. Che doppiezza morale»

Meloni risponde a Scanzi: «Pescivendolo è un lavoro nobile, non mi offende»

Roma-Spezia, Pellegrini avverte (cinque volte) che le sostituzioni fatte sono sei

Roberto Mancini: «Credo nelle apparizioni della Madonna e vado spesso a Medjugorje»

«Lady Diana e la profezia per i figli: state attenti a chi sposerete»

Il prefetto Messina: «A Salerno operazione storica Così daremo la caccia  ai tesori all'estero dei boss»

Pescatori sequestrati  in Libia, la beffa dopo  il rilascio: arriva  una multa di 2.000 euro

Cina, l’erede del 5G si autoproclama «principessa». Sui social: «Vai a lavorare, Annabel»

Regeni, la Procura di Roma chiede  il processo per quattro 007 egiziani

E il paladino delle automobili usate truffava sui contachilometri

Bambino di 8 anni resta impigliato con la felpa alla finestra e muore

L’incredibie «villa di Putin» a Gelendzhik svelata da Navalny (dal carcere)

Supercoppa Juventus-Napoli 2-0, Ronaldo e Morata in gol mentre Insigne sbaglia un rigore

Joe Biden tradizionale (8), J. Lo «abbaglia» (5), Lady Gaga divina (9): le pagelle ai look

Melania Trump, addio funebre, ma con tacco a spillo e borsa da 70 mila dollari

Trump, l’addio sulle note di YMCA: qual è il significato della canzone, inno della comunità gay

Il successo di Lupin nero

Logo Inter, Mauro Icardi lo «copia», anche il suo è «I M». Per i tifosi è un altro dispetto alla sua ex squadra

La fidanzata di Dybala Oriana Sabatini: «Io bisessuale? Credo di sì»

Chi è Alice Campello: Lady Morata verso la co-conduzione del Festival di Sanremo

Lidl condannata per aver copiato il Bimby, ora deve ritirare il Monsieur Cuisine Connect dalla Spagna

Tonno in scatola: le 10 ricette facili da preparare per utilizzarlo senza stancarsi

Mercedes EQA, l’elettrica che fa concorrenza al Diesel

Emanuele Macaluso, il comunista che  non beveva (l’acqua)

Miozzo: «Sul ritorno in classe troppi calcoli politici, deve decidere lo Stato, non gli interessi locali»

Il mistero dei 30mila morti in più, in Italia, che non sono attribuiti al Covid

L’inchiesta di Saviano in copertina su «Papel»: «Così le mafie soffocano l’economia al tempo del Covid-19»

Operai come schiavi con le leggi di Orbán: in Ungheria i lavoratori senza diritti

Terreni accaparrati dai grandi fondi: l’allarme dai dati Oxfam sull’agricoltura intensiva

Liceo Berchet occupato, gli studenti: «Non seguiamo la Dad, scioperiamo» Proteste al Boccioni e allo Steiner

Besana Brianza, il bar «nostalgico» con la foto di Mussolini sulle bustine di zucchero

Monza, assunti 20 nuovi vigili e si scatena l’odio social. Il comando: querele ai leoni da tastiera

Bros, lo street artist milanese firma un’installazione al Mart di Rovereto

Morto clochard a piazza San Pietro, a Roma 10 decessi in 3 mesi

Civita di Bagnoregio candidata per l’Italia a entrare nella lista dei beni Unesco

Trastevere, luci a singhiozzo. I residenti: «Colpa dei topi che mangiano i cavi»

Aqua Felix, seguendo il suo percorso attraverso fontane e mostre d’acqua

«Basta sgomberi. Appendino muori». Minacce di morte alla sindaca. Lei: «Io vado avanti»

«Io, gioielliere di giorno e rider in bicicletta di notte. Ho imparato a galleggiare»

Chieri, costretta dal marito a dormire in cantina: scappa dalla vicina e lo fa arrestare

Lenù arriva a Torino, partono i casting per «L’amica geniale»

Navalny condannato a 30 giorni di carcere. Nato e Ue chiedono di liberarlo

Zaki, lo scrittore egiziano Al Aswani: «Il regime di Al Sisi è come una malattia, ma noi dobbiamo sperare per Patrick»

Tunisia, dieci anni dopo l’inizio della primavera araba i giovani in rivolta contro la crisi

Supercoppa Juventus-Napoli 2-0, pagelle: Szczesny leader, Ronaldo ritrovato; Ospina saracinesca, Koulibaly colla

Vendée Globe, il diario di bordo di Pedote. Il momento del panico è arrivato: ecco come neutralizzarlo

Coppa America, dal doppio timoniere di Luna Rossa ai foil: i segreti delle barche che volano a 100 km all’ora

Viviani, problema al cuore: fermo il campione olimpico. E all’ospedale incontra Ulissi

Samuel, album solista«Metto insiememusica elettronicae cantautorato»

La Scala: una stagione in streaming

«Mental», la serie che affronta con coraggio il disagio giovanile

«Amarcord» in tv: chi è scomparsa in una casa di riposo e chi è caduto in depressione, com’è diventato il cast

Covid-19 e vaccini le nuove «esche» del cybercrime ai danni della sanità

Sul Corriere Salute: protezione Covid, cosa si può detrarre dalle tasse

Gliomi cerebrali, una nuova tecnica operatoria allunga la sopravvivenza e migliora la vita dei malati

La Crusca inserisce «Cringe» tra le nuove parole della lingua italiana

Bill Gates ora fa anche il «contadino»: è il maggior proprietario di terreni agricoli degli Stati Uniti

Perché Facebook ha oscurato la pagina «Le migliori frasi di Osho» per qualche ora

Venti oggetti quotidiani che spariranno tra venti anni

Auto elettriche, l’offensiva cinese: super produzione e modelli da 3.500 euro

Il 2021 delle moto: prezzi, foto e caratteristiche delle novità in arrivo

Megaschermi, vetri intelligenti, pannelli solari: al Ces va in scena l’auto di domani

Mese per mese, auto per auto: il calendario delle novità in arrivo

La ricetta del carciofo al sale dello chef Cristiano Tomei: bastano solo 2 ingredienti

La torta di mele  ultra soffice che si prepara senza burro nè latte

Stefano Ferraro, ex pastry chef del Noma, apre a Milano il «Loste Café»

Sala ispira Marco Bianchi: «Ecco la mia michetta all’hummus e broccoli»

Scuola, riparte il concorso straordinario «chiuso per Covid»

Maturità 2021, Azzolina e l’ipotesi dell’esame light come lo scorso giugno

Scuole, l’appello dei genitori lombardi al governo: «Riaprite almeno le medie»

Parlamento, il luogo del confronto dove tutti hanno diritto di parola

Alberi di città, come capire se stanno bene: ecco i cinque indizi

Le capre di Agitu affidate agli allevatori: l’addio di Beatrice

Manager lascia la carriera e aiuta i pastori con gli algoritmi

Sola in ospedale a 18 anni: «Grazie a chi mi ha curato:  ora so quanto vale la vita»

Il sogno dell’immortalità: l’extra nell’App de «la Lettura» e su pc

Nedo Fiano, la forza di ricominciare: la vita nel libro del figlio Emanuele

Miglior traduttore 2020: nell’App tutti i nomi votati. Piccolo e Baccomo nella newsletter

La vertigine della scomparsa nel nuovo libro di Antonella Lattanzi

Joe Biden, l’insediamento alla Casa Bianca di Major: è il primo cane adottato da un presidente Usa

Tre orsi rinchiusi in Trentino e lo sciopero della fame di due donne

Ritrova il gatto otto anni dopo averlo perso: «Mi ha riconosciuto subito»

La lunga marcia dell’acciaio «green» prodotto con l’idrogeno (e non con il carbone)

Sky Wifi triplica la copertura: raggiunte 1.500 città

Gas e luce, fatture dopo la mancata lettura dei contatori: a Eni, Enel e Sen multa da 12,5 milioni

Netflix, le azioni volano: oltre 200 milioni di abbonati nel mondo. Boom con il lockdown

newsletter
Azienda

Email

il risultato di 6 + 4 in lettere *


area riservata
Dove Siamo

Altamura (BA) 70022 Via Cufra, 45/D
tel. 080.3149359
cell. 3476284777
fax 080.2143453

Tricarico (MT) 75019 Via Aldo Moro n. 4
tel. 0835.724111
info@securproject.net
P.IVA 06823550725

privacy policy e cookies

Accreditamenti


Certificazione

Crediti

web site by 01Rabbit
design by Michele Cignarale